Carrello 0

Volumi

Psicopoli Novella
Volume I (pdf)

Domenico Comba

Timía edizioni – 2020

cm 15 x 21
Pag. 96 (a colori)

ISBN: (pdf) 978-88-99855-42-0

Metropoli + Mythopoli
Volume II (pdf)

Richard England

Timía edizioni – 2020

cm 15 x 21
Pag. 96 (a colori)

ISBN: (pdf) 978-88-99855-36-9

Scenari Postpandemia
Arte.Architettura.Utopia
I Quaderno della collana EUTOPIA (pdf)

Direttore Marcello Sèstito

Timía edizioni – 2020

cm 15 x 21
Pag. 116 (a colori)

ISBN: (pdf) 978-88-99855-49-9

ÈUTOPIA - Collana internazionale di studi e progetti Utopici diretta da Marcello Sèstito

Il Comitato Scientifico 

Enrico Baleri
Bruno Barla
Eugenia Battisti
Alessandro Castagnaro
Richard England
Alberto Fiz
Antonella Greco
Pedro Antonio Janeiro
Ugo La Pietra
Giovanni Marucci
Piero Meogrossi
Maurizio Oddo
Claudio Presta
Luigi Prestinenza Puglisi
Franco Purini
Antonino Saggio
Mauro Sàito
Denis Santachiara
Tonino Sicoli
Laura Thermes
Kim Veltman

Se Utopia nel noto racconto di Tommaso Moro voleva essere il luogo che non c’è, il luogo inesistente, e se Eutopia al contrario prefigurava il bel luogo, come l’assolata città campanelliana, il luogo desiderato, ÈUtopia conferma la sua necessità. Una necessità avvertita come urgente al caotico dell’intorno ove, sovente, si avverte una cacofonia di fondo, sorda ad ogni cambiamento.

La Collana si propone di presentare ad un pubblico più vasto quei progetti o elaborazioni teoriche che spingono il pensiero oltre gli angusti ambiti del quotidiano proiettandoli in un futuro a venire. Pertanto verranno ospitate tra le sue pagine, opere, soluzioni, disegni, prefigurazioni, teorie che spesso sono il frutto di elaborazioni introverse e personalistiche ma che hanno il privilegio di offrire al lettore materie inconsuete dell’operare, come se tali intendimenti auspicassero, come è lecito aspettarsi, ad una loro realizzazione, o spesso, solo a far sì che il mondo possa migliorarsi.

“L’Utopia – come sosteneva Eugenio Battisti, a cui la collana è dedicata – è una grande partita a scacchi con il destino, che va sempre giocata da capo; potrebbe essere definita come il progetto dei progetti, la grande ricerca di novità e di concretezza, il motore che obbliga la società a trovare le soluzioni giuste, attraverso il ripudio della tradizione ed il coraggio della sperimentazione”. 

Tutti i volumi saranno nel formato 15 x 21, di 96 pagine, a colori.

Marcello Sèstito, Architetto, si forma con Eugenio Battisti, Alessandro Anselmi e Franco Purini. È autore di numerosi “libri dalla notevole importanza concettuale e dalla forte influenza sul piano dell’estetica”, come vuole Franco Purini che lo definisce un artista-scienziato. Tra gli altri, Alfabeti d’Architettura, Colonne stilate; Architetture Globali; Fata Morgana o la città riflessa; Immedesimazioni; Architettura Animale; Corpo e Architettura. È in copertina sulle riviste: “Modo”, “Gran Bazar”, “Controspazio”, “D’ARS”. Ha tenuto conferenze in tutto il mondo, recentemente in Cina a Kunming e a San Paulo del Brasile. Divide la sua attività teorica e di progettazione tra Milano e Reggio Calabria condividendo tutte le sue esperienze con Antonella Pavia con cui divide la casa e la vita. Dal 1994 è professore di Composizione Architettonica nella Mediterranea di Reggio Calabria. I suoi studi e progetti pubblicati sulle maggiori riviste specializzate di settore si incentrano sul rapporto tra arte e architettura. Pierre Restany lo invita alla redazione di D’Ars e vi collabora fin dal 1986. È ideatore con altri della rivista internazionale di Utopie “Oz”. Artista, designer, saggista, ideatore e curatore di mostre, promuove per la città reggina la Baam, Biennale di Arte e Architettura del Mediterraneo di cui è direttore per il settore architettura. Partecipa alla Biennale di Venezia nel 1985 e alla Triennale di Milano nel 1990 e nel 1992, con un progetto dedicato al riciclo dei rifiuti urbani. Premio Utopia a Roma, Premio Internazionale di Design per l’accendino solare ‘Archimede’; Premio Città di Ginevra e Premio Seibu di Design a Tokio. Recentemente è invitato a San Paulo del Brasile alla realizzazione di una scultura di 6 metri da collocare nell’Avenida Paulista. Interessato al mito nelle sue diverse declinazioni, la sua ricerca si muove nella costante elaborazione di strutture mentali, tra sincretismo ed eteronimia, atti a configurare nuovi scenari futuri