Carrello 0

PAESAGGIO E PROGETTO

Una storia, quella dell’architetto Aldo Enrico Ponis, di quarant’anni e più. Una lunga ricerca che, tramite esperienze, contesti e situazioni diversi ha attraversato le varie età della vita di un architetto, dai primi anni dell’università ai giorni d’oggi.

È una storia di progetti, studi e persone, ma soprattutto è una storia di ambiente e paesaggi, il fondale delle sue esperienze che è venuto via via a dare forma, continuità e significato alla sua lunga attività. Un fondale che, nel ricordo, assume oggi la consistenza e il colore di tre diverse pietre e del paesaggio, naturale o costruito, che ne caratterizzava il contesto: l’ardesia, la pietra serena, il travertino.

L’ARCHITETTO

Aldo Enrico Ponis nasce a Nervi (Genova) dove, sin da giovanissimo, incontra il mondo dell’arte che frequenta la MITA, Manifattura Italiana Tappeti Artistici, fabbrica-laboratorio fondata dal padre dove si vive un naturale rapporto tra tradizione e modernità. Passa quindi allo studio dell’architettura e urbanistica all’Università di Firenze, dove si laurea e, negli anni passati in Toscana, iniziano le sue prime riflessioni sul paesaggio naturale e costruito. A Roma infine, lavora, agli inizi, negli studi di Ludovico Quaroni, Mario Fiorentino, Lucio Passarelli, impegnato tra l’altro alle complesse vicende progettuali del Sistema Direzionale Orientale della città. Dopo qualche anno apre lo Studio Ponis Roma – Progettazione e Studi Ambientali, attivo per più di 45 anni e, come responsabile o consulente di società nazionali o estere partecipa, in Italia e in 18 altri paesi, a studi e a progetti di architettura, urbanistica e di progettazione ambientale. L’archiviazione del suo lavoro è attualmente in corso.

28,00

ID Prodotto: 2145
ISBN: 978-88-99855-76-5
Anno: 2021
Dimensioni: 21x21
Pagine: 216
Categoria:

Emma Tagliacollo, PhD, è membro del Consiglio Direttivo di DO.CO.MO.MO Italia, Segretario di IN/Arch Lazio e fa parte del Comitato Scientifico di IN/Arch. È docente a contratto di Teoria e Storia del Design alla Sapienza Università di Roma. Esperta di pratiche urbane e ricercatrice indipendente specializzata nel patrimonio culturale, conduce la propria ricerca sui temi del moderno ed è autrice di contributi, anche video, sulle trasformazioni urbane, e sulla valorizzazione dei beni culturali sia materiali sia immateriali. Ha curato diverse mostre in Italia e all’estero progettando, programmando e gestendo attività culturali nell’ambito della valorizzazione del cultural heritage dalla scala urbana a quella della città, come ad esempio il progetto ‘Triumphs and Laments’ dell’artista William Kentridge (2016). Scrive di architettura e paesaggio per «AION» e il «Giornale dell’architettura» (©ph.M.L.Priori).